"IL RIGORE DELLE IDEE, LA FORZA DELLE AZIONI"












I nostri partner

CONSIGLI ai nostri LETTORI: LA RECLAME SU QUESTO SITO

NOVITA' EDITORIALE   

 

PER UN'AGRICOLTURA LIBERA
UNA
ESCLUSIVA DELLA LEONARDO FACCO EDITORE - MOVIMENTO LIBERTARIO

La potrete ordinare a Leonardo.facco@tiscali.it

--------------------------

L'Agriturismo Amarant

  

Passa un week-end in un vero paradiso libertario!

Accoglienza, confort, buona cucina e natura ad un prezzo concorrenziale!

PRENOTATE LA VOSTRA VACANZA!

-------------

TENERIFE, UNA OPPORTUNITA'

------------------------

SOSTENETE QUESTO SITO ANCHE NEL 2011!

PREPARATEVI, IL 10 SETTEMBRE LANCEREMO UN'OFFERTA FUORILEGGE!!!
La nostra TV

tv del movimento libertario

IL NOSTRO CANALE WEB-TV

Collegati per seguire i nostri eventi in diretta

IO, ANARCHICO (il documentario)

1- Il potere della neolingua

2- Briganti alla riscossa

3- Le tasse sono un furto

4-Lo spreco come servizio

5- Marx starebbe con gli evasori

--------------------------

BATTAGLIE LIBERTARIE (intervista con l'amministratore del Movimento Libertario)

--------------------------

STAMPA NEL MONDO

IL KIOSKO, giornali nel mondo (clicca)

-----------------

IL CANALE YOUTUBE!

-----------------

ADIOS AZIENDE!

-----------------

LEGGI e IMPARA

-----------------

LA FINESTRA ROTTA

-----------------

INTERLIBERTARIANS

 Qui il GRUPPO su FACEBOOK

 

INTERLIBERTARIANS 2012

Lugano 31 Marzo - 1 Aprile 2012

IL MITO DELLA DEMOCRAZIA (video)

Agenda

APPUNTAMENTI col MOVIMENTO... e non solo:

su UMBERTO BOSSI (il libro)

LUNEDI' 20 giugno, DALLE 21 ALLE 23, LEONARDO FACCO A LOMBARDIA CHANNEL, NEL PROGRAMMA DI DAVID PARENZO, (canale 666 digitale in lombardia) PER COMMENTARE LA RIUNIONE LEGHISTA di PONTIDA.

calendario delle PRESENTAZIONI

-23 Agosto 2011, ore 19,00 Circolo Velico di Soverato (Cz), lungomare Europa. Manifestazione Liber@estate 2011

IN PREPARAZIONE

-Presentazione a Soave (Vr)

-Presentazione a Brescia

-Presentazione a Busto Arsizio

-Presentazione ad Arba (Pn)

 ------------------

LA VIDEO PRESENTAZIONE A GUASTALLA

____________________

IL BLOG (clicca sulla foto)

IL "BUNGA-BUNGA"

di Umberto Bossi (leggi)

Presentazione autore

Intervista di Martinelli

Intervista Radio IES

Intervista Radio Bruno

Intervista BeppeGrillo

A Canale Italia

Intervista FizzShow

PRESENTAZIONE a Bologna

PRESENTAZIONE ad Arcole (Vr)

"UMBERTO MAGNO" (ALIBERTI EDITORE) in LIBRERIA. La prima vera inchiesta sul capo leghista e il suo partito azienda.

dal sito di ALIBERTI

Il nostro market

Market

Entra nel nostro negozio per acquistare libri e gadget

Finanziaci
SOSTIENI IL MOVIMENTO LIBERTARIO
L'editoria

Leonardo Facco Editore

ACQUISTA I LIBRI LIBERTARI

Lo spettacolo teatrale "Le tasse sono una cosa bellissima"! (acquista il DVD nello SHOP del sito) - Clicca l'immagine e guarda IL TRAILER!

e-Books Italia

In CD
copertina_cd
Il primo disco con liriche antistataliste.
14 brani composti da NEREO VILLA.
Acquistalo

Ascolta il...

RAP DELLA CARTA STRACCIA

Visita il sito di
Leonardo Facco Editore
o scrivi una email
leonardo.facco@tiscali.it

 

Skype
Chiama ora !


Clicca sull'icona verde per chiamarci GRATIS con

Se sei nuovo.....

Il "Bignami" del libertarismo con una ricca bibiliografia. Clicca qui per ordinare le tue copie (15 euro per 10 copie!) Una la tieni e 9 le regali!
Libertari nel mondo
Home
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
IN VISTA DEI TANTO VITUPERATI REFERENDUM DEL GIUGNO PROSSIMO RIPROPONIAMO QUESTO ARTICOLO, RISALENTE AL 2005, DATO CHE "LADDOVE LA MENZOGNA E' UNIVERSALE, DIRE LA VERITA' DIVENTA RIVOLUZIONARIO".
di Giorgio Bianco
A dispetto della vulgata diffusa dagli ultrà dell'acqua come «patrimonio comune dell'umanità», sono stati in realtà molti governi di Paesi poveri a rendersi conto che le drammatiche condizioni in cui versa la maggior parte della loro popolazione dal punto di vista dell'approvigionamento idrico rendono impossibile - come si è argomentato in precedenza - limitarsi ad attendere che lo sviluppo economico, processo a lunga scadenza e di grande complessità, crei le condizioni per fare della carenza idrica e dei problemi correlati un ricordo del passato. Soprattutto, questi governi hanno finito per accettare, sia pure con gradi diversi di consapevolezza, il fatto che la diffusa mancanza di acqua potabile è la conseguenza di una distribuzione affidata esclusivamente o in netta prevalenza alla mano pubblica. Di conseguenza, i Paesi in via di sviluppo hanno iniziato ad orientarsi, in cerca di aiuto, verso le imprese private operanti sul mercato, anche se occorre subito osservare che questo processo ha iniziato ad assumere proporzioni degne di nota soltanto nel corso degli anni Novanta, e rimane tuttora in scala ridotta: attualmente, solo il 3% delle fasce più povere delle popolazioni dei Paesi in via di sviluppo riceve l'acqua da fornitori privati.
Riguardo alla presenza del privato in questo settore, è necessario sgombrare il campo da alcuni equivoci, alimentati anche in questo caso dai nemici del libero mercato. Innanzitutto, costoro tendono a utilizzare la parola «privatizzazione» come etichetta buona per qualunque forma di coinvolgimento di imprenditori privati nella distribuzione idrica. La realtà, comunque la si voglia giudicare, è che al momento attuale sono molto pochi, nel mondo, i sistemi in cui il settore idrico è completamente privatizzato e «deregolamentato». Soltanto una minima percentuale degli investimenti effettuati dai privati nel settore idrico nei Paesi in via di sviluppo ha luogo in un contesto di autentica privatizzazione. Molto più spesso, si tratta di forme di cooperazione tra il settore pubblico e quello privato, tra commercio e business. Sono proprio queste forme di sinergia, come si è detto, ad essere sbrigativamente e demagogicamente definite «privatizzazioni».
L'economista Terry L. Anderson ha individuato sei differenti forme di coinvolgimento, gradualmente crescente, dei privati nella gestione pubblica delle risorse idriche. Il primo e più basso è quello in cui un operatore privato stipula con le strutture pubbliche un contratto che prevede un impegno limitato alla manutenzione delle infrastrutture esistenti. Un secondo modello prevede che un'impresa privata si faccia carico della distribuzione idrica esistente, ma che l'acqua e le infrastrutture rimangano di proprietà statale. La terza forma di coinvolgimento del settore privato consiste nel concedere in affitto sia l'acqua sia le infrastrutture per un limitato periodo di tempo. Il quarto metodo individuato, chiamato BOOT (Build-Own-Operate-Transfer), consiste nell'affidare a una compagnia privata la costruzione o la ristrutturazione delle infrastrutture, che la compagnia in seguito dà in affitto per un periodo prefissato. Il quinto modello, il più diffuso, è quello delle concessioni: un'azienda può concedere in affitto le infrastrutture, ma, come clausola contrattuale, assume l'impegno di raggiungere determinati obiettivi, riguardanti ad esempio i prezzi, l'espansione della distribuzione o il numero di consumatori che hanno accesso all'acqua. La sesta possibilità è quella in cui i diritti di proprietà e le infrastrutture sono parzialmente o interamente venduti alle compagnie.
Le compagnie private, si è detto, sono progressivamente anche se lentamente coinvolte dai governi nella gestione delle risorse idriche, in particolare allo scopo di rifornire le popolazioni più povere. Per lungo tempo si è ritenuto che il mercato e le imprese private fossero incapaci o non avessero la volontà di soddisfare le esigenze idriche dei più poveri, ma questo assunto si è rivelato sbagliato, per tre ragioni. In primo luogo, la pubblica amministrazione ha sviluppato meccanismi attraverso cui le richieste di prestazioni formulate nei contratti includono la fornitura di acqua agli strati più poveri della popolazione. In secondo luogo, le compagnie private hanno finito per comprendere che una delle condizioni imprescindibili per il loro successo in ambienti politicizzati come le città del Terzo Mondo risiede proprio nella capacità di rifornimento idrico dei più poveri. In terzo luogo, le imprese si sono rese conto che la vendita di acqua ai poveri può rappresentare una parte consistente del loro commercio, un target che non possono permettersi di trascurare. I più poveri, specialmente nei Paesi in via di sviluppo, hanno una grande importanza commerciale come consumatori. Spesso, essi rappresentano non meno del 50% del mercato complessivo di un Paese, e dunque non possono essere ignorati, né politicamente né dal punto di vista commerciale. La sfida di rifornire di acqua i cittadini più poveri è ormai parte integrante del business plan di qualunque azienda del settore idrico che operi nei Paesi in via di sviluppo.
Anche se di recente sviluppo e in scala ancora ridotta, la partecipazione del settore privato nella gestione dell'acqua nei Paesi poveri non ha mancato di far sentire i suoi benefici: nei Paesi in via di sviluppo in cui i privati hanno investito nel settore idrico, la popolazione che ha accesso all'acqua potabile è pari ad una media dell'80%, mentre laddove non sono stati effettuati investimenti dai privati la media scende al 73%. Risulta allora evidente che quanto più è consistente il coinvolgimento dei privati nel rifornimento idrico, tanto più alto è il numero di persone che hanno accesso all'acqua.
La ragione di fondo, come si è visto in precedenti articoli, va individuata nel fatto che gli operatori privati non sono soggetti ai limiti che caratterizzano strutturalmente, costitutivamente il settore pubblico, limitandone inevitabilmente la capacità di azione. Generalmente, infatti, i privati hanno maggiori risorse economiche da investire, maggiore competenza nel gestire le risorse e nell'organizzare il lavoro, una capacità di gran lunga più elevata di accesso alle nuove tecnologie, e non da ultimo sono molto meno legati a dogmi e obbedienze di carattere politico. Le privatizzazioni possono realmente dare nuova vitalità a sistemi sclerotizzati: laddove l'intrecciarsi degli interessi dei politici, delle imprese pubbliche e dei sindacati tende a perpetuare uno status quo fatto di inefficienza e di mancanza di flessibilità, l'ingresso di un operatore esterno che abbia il carattere di un'impresa privata può fornire incentivi a riformare e ridimensionare stagnanti e indolenti burocrazie.
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Titolo:
Commento:
La marcia del mais
2011: SEMINATI ALTRI TRE ETTARI
SEMINA 2011: OPERAZIONE "6 semi di mais ovunque" (richiedi i tuoi 6 chicchi)

464 destinatari! ECCO LE PRIME FOTO 

PRIMA SEMINA MAIS OGM. Da giorni, in questa nuova sezione, è iniziata la pubblicazione delle fotografie che riguardano la crescita dei 6 SEMI DI MAIS OGM piantati da Movimento Libertario & Agricoltori Federati il 25 aprile scorso. Qui, il video della semina!

QUI IL VIDEO DELLA SEMINA IN CAMPO APERTO!

l'ultimo scatto...

02-10-2010

 LUI CONDANNATO, LORO IMPUNITI

ABBIAMO RACCOLTO LE PANNOCCHIE, SI ACCETTANO OFFERTE PER AVERE IL SIMBOLO DI UNA BATTAGLIA CHE RIMARRA' NELLA STORIA DELLA DISUBBIDIENZA CIVILE!

COMPRA UNA PANNOCCHIA!

------------

LE QUATTRO DENUNCE CONTRO I NAZI-COMUNISTI (clicca sui link e leggile)

1-denuncia querela contro Federica Ferrario (Greenpeace)

2-denuncia querela contro ignoti

3-esposto denuncia contro Zaia ed altri

4-esposto denuncia contro Violino ed altre 146 persone

5-integrazione esposto denuncia Zaia, Scilipuoti, altri

REGALIAMO UNA VACANZA AI "NAZI-COMUNISTI"
Sbugiardati gli oscurantisti: GLI ISPETTORI CONFERMANO: "ZERO COMMISTIONE"!
2011: FIDENATO SCRIVE A BRUXELLES: ANCHE QUEST'ANNO TORNERO' A SEMINARE MAIS OGM! 
Conferenza stampa dell'8 marzo sulla semina 2011
L'UE: "FIDENATO PUO' SEMINARE" (leggi la lettera)
Sostituto d'imposta
LA BATTAGLIA:
tutti i soldi in busta paga!

Sostieni anche tu
Giorgio Fidenato. Skype

Clicca qui per scoprire come

ECCO LA SENTENZA DEL GIUDICE DI PORDENONE, PER LA QUALE ABBIAMO ATTESO UN ANNO, IN MERITO ALLA BATTAGLIA CHE STIAMO CONDUCENDO SUL SOSTITUTO D'IMPOSTA.

QUI LA NOTIZIA PER VOSTRI COMMENTI

SENTENZA-SOST.pdf 

L'aforisma

"Non ci sono azioni d'interferenza governativa nel mercato che, considerate dal punto di vista dei cittadini interessati, non possano essere qualificate che come confische o come doni. [...] Non esiste un modo giusto ed equo di esercitare l'enorme potere che l'interventismo mette nelle mani del legislatore e dell'esecutivo". Ludwig von Mises
Il sondaggio
Quale futuro per il movimento libertario?
 
Ron Paul
Quotazione Oro

Oro
Ultimo anno

Clicca sul grafico per vedere la quotazione di OGGI e scopri perché il Movimento Libertario segue l'andamento dell'oro

Quotazione Argento
Argento
Foto libertarie
Contatore Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi61
mod_vvisit_counterIeri1105
mod_vvisit_counterQuesta Settimana6652
mod_vvisit_counterQuesto Mese23053

Online : 15
Link amici

Usem Lab

Libreriadelponte

Nereo Villa

Carlo Zucchi Blog

Paradisi Fiscali

Antarticland

La voce del gongoro

rothbard

lewrockwell

Mises

jesushuertadesoto

mercatoliberonews

libertysoldier

residenclave

forcesitaly

Atroce pensiero

molinari

bastiat

noisefromamerika

aboliamo gli ordini professionali

Walter Block

rand

spooner

al

sfid

juan

panama

interlib

AGRICOLTORI FEDERATI

futuragra

SALMONE.ORG (Pensare controcorrente)

POLYARCHY.ORG

 

La sentinella della libertà

LIBERALISMOONLINE

 

 ASTENSIONE.NET

 

 

 

FOFOA-GOLD