"IL RIGORE DELLE IDEE, LA FORZA DELLE AZIONI"












I nostri partner

CONSIGLI ai nostri LETTORI: LA RECLAME SU QUESTO SITO

NOVITA' EDITORIALE   

 

PER UN'AGRICOLTURA LIBERA
UNA
ESCLUSIVA DELLA LEONARDO FACCO EDITORE - MOVIMENTO LIBERTARIO

La potrete ordinare a Leonardo.facco@tiscali.it

--------------------------

L'Agriturismo Amarant

  

Passa un week-end in un vero paradiso libertario!

Accoglienza, confort, buona cucina e natura ad un prezzo concorrenziale!

PRENOTATE LA VOSTRA VACANZA!

-------------

TENERIFE, UNA OPPORTUNITA'

------------------------

SOSTENETE QUESTO SITO ANCHE NEL 2011!

PREPARATEVI, IL 10 SETTEMBRE LANCEREMO UN'OFFERTA FUORILEGGE!!!
La nostra TV

tv del movimento libertario

IL NOSTRO CANALE WEB-TV

Collegati per seguire i nostri eventi in diretta

IO, ANARCHICO (il documentario)

1- Il potere della neolingua

2- Briganti alla riscossa

3- Le tasse sono un furto

4-Lo spreco come servizio

5- Marx starebbe con gli evasori

--------------------------

BATTAGLIE LIBERTARIE (intervista con l'amministratore del Movimento Libertario)

--------------------------

STAMPA NEL MONDO

IL KIOSKO, giornali nel mondo (clicca)

-----------------

IL CANALE YOUTUBE!

-----------------

ADIOS AZIENDE!

-----------------

LEGGI e IMPARA

-----------------

LA FINESTRA ROTTA

-----------------

INTERLIBERTARIANS

 Qui il GRUPPO su FACEBOOK

 

INTERLIBERTARIANS 2012

Lugano 31 Marzo - 1 Aprile 2012

IL MITO DELLA DEMOCRAZIA (video)

Agenda

APPUNTAMENTI col MOVIMENTO... e non solo:

su UMBERTO BOSSI (il libro)

LUNEDI' 20 giugno, DALLE 21 ALLE 23, LEONARDO FACCO A LOMBARDIA CHANNEL, NEL PROGRAMMA DI DAVID PARENZO, (canale 666 digitale in lombardia) PER COMMENTARE LA RIUNIONE LEGHISTA di PONTIDA.

calendario delle PRESENTAZIONI

-23 Agosto 2011, ore 19,00 Circolo Velico di Soverato (Cz), lungomare Europa. Manifestazione Liber@estate 2011

IN PREPARAZIONE

-Presentazione a Soave (Vr)

-Presentazione a Brescia

-Presentazione a Busto Arsizio

-Presentazione ad Arba (Pn)

 ------------------

LA VIDEO PRESENTAZIONE A GUASTALLA

____________________

IL BLOG (clicca sulla foto)

IL "BUNGA-BUNGA"

di Umberto Bossi (leggi)

Presentazione autore

Intervista di Martinelli

Intervista Radio IES

Intervista Radio Bruno

Intervista BeppeGrillo

A Canale Italia

Intervista FizzShow

PRESENTAZIONE a Bologna

PRESENTAZIONE ad Arcole (Vr)

"UMBERTO MAGNO" (ALIBERTI EDITORE) in LIBRERIA. La prima vera inchiesta sul capo leghista e il suo partito azienda.

dal sito di ALIBERTI

Il nostro market

Market

Entra nel nostro negozio per acquistare libri e gadget

Finanziaci
SOSTIENI IL MOVIMENTO LIBERTARIO
L'editoria

Leonardo Facco Editore

ACQUISTA I LIBRI LIBERTARI

Lo spettacolo teatrale "Le tasse sono una cosa bellissima"! (acquista il DVD nello SHOP del sito) - Clicca l'immagine e guarda IL TRAILER!

e-Books Italia

In CD
copertina_cd
Il primo disco con liriche antistataliste.
14 brani composti da NEREO VILLA.
Acquistalo

Ascolta il...

RAP DELLA CARTA STRACCIA

Visita il sito di
Leonardo Facco Editore
o scrivi una email
leonardo.facco@tiscali.it

 

Skype
Chiama ora !


Clicca sull'icona verde per chiamarci GRATIS con

Se sei nuovo.....

Il "Bignami" del libertarismo con una ricca bibiliografia. Clicca qui per ordinare le tue copie (15 euro per 10 copie!) Una la tieni e 9 le regali!
Libertari nel mondo
Home
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
di Gian Piero De Bellis
In passato il termine rivoluzione era utilizzato principalmente con riferimento a fenomeni astronomici, in cui i corpi celesti ruotavano nello spazio seguendo una determinata orbita. Il famoso scritto di Copernico dato alle stampe nel 1543 porta per l'appunto il titolo“De revolutionibus orbium coelestium”.
Nei secoli seguenti, il termine è stato sempre più utilizzato in riferimento a fenomeni sociali. Lo troviamo quindi per caratterizzare sommovimenti politici in Inghilterra (la Rivoluzione Inglese o guerra civile, 1642-1660) negli Stati Uniti (la Rivoluzione Americana o guerra d'indipendenza, 1775-1783) e in Francia (la Rivoluzione Francese e la fine dell'Ancien Régime, 1789-1799).
Il termine rivoluzione trova poi anche impiego in riferimento a profondi cambiamenti nell'ambito della produzione (la Rivoluzione Industriale) e della conoscenza (la Rivoluzione Scientifica).
Ai giorni nostri l'uso del termine richiama soprattutto alla mente un cambiamento politico radicale come nel caso della Rivoluzione Russa in cui il vecchio regime zarista fu abbattuto e i bolscevichi si installarono al potere.
Coloro che utilizzano il termine rivoluzione con riferimento a cambiamenti sostanziali (reali o talvolta anche solo apparenti) nella sfera politica vedono quindi la rivoluzione come l'ascesa al potere di un nuovo gruppo dirigente a cui si attribuiscono doti di onestà e di dinamicità in contrasto con il vecchio gruppo dirigente considerato corrotto e responsabile della stagnazione sociale.
Purtroppo gli esiti della Rivoluzione Russa (Stalin e il terrore) e, ancor prima, quelli della Rivoluzione Francese (Napoleone e le guerre di espansione in Europa), fanno considerare questo tipo di rivoluzione (cambio di regime) una non-rivoluzione. Infatti essa è
  • o qualcosa di totalmente fasullo (cioè, cambiare tutto per non cambiare nulla)
  • o qualcosa di totalmente inadeguato (cioè una semplice tappa nel lungo processo di liberazione dall'oppressione).
Le cosiddette rivoluzioni che hanno avuto luogo in alcuni paesi arabi nei primi mesi del 2011 sono probabilmente di questo secondo tipo, cioè una semplice tappa verso la liberazione. Chiaramente tutte le forze oscurantiste e reazionarie cercheranno di ostacolare anche nella maniera più subdola e perversa possibile questa dinamica di liberazione. Uno dei mezzi sarà quello di concedere ai nuovi gruppi dirigenti somme enormi per un proclamato aiuto allo sviluppo che si tradurrà, molto probabilmente, in un nuovo ciclo di corruzione generalizzata. Se ciò dovesse avvenire queste “rivoluzioni” arabe (in Tunisia e in Egitto) andranno messe nel novero delle rivoluzioni fasulle o non-rivoluzioni.
L'insegnamento che deriva da quanto detto fin qui dovrebbe essere quello di utilizzare il termine Rivoluzione (quando applicato ai fenomeni di potere) in maniera molto più circospetta e limitata, vale a dire solo quando siamo in presenza di veri cambiamenti radicali e profondi nella distribuzione e disseminazione del potere.
Nelle società tecnologicamente avanzate in cui viviamo la rivoluzione ha senso solo in quanto ri-appropriazione del potere (empowerment) da parte di ogni singolo individuo che diventa quindi padrone della propria vita. Questo può avvenire solo se l'individuo stesso opera un cambiamento preliminare in alcuni aspetti essenziali del suo esistere in quanto essere umano razionale.
Chiaramente un discorso di rivoluzione come cambiamento individuale è del tutto fuori posto per coloro che si trovano già in una situazione di appagamento e di soddisfazione personale. Per loro qualsiasi cambiamento sarebbe o potrebbe essere un peggioramento della situazione.
Ma allora perché stiamo qui a parlare di Rivoluzione?
Parliamo di Rivoluzione perché moltissime persone delle società avanzate vivono attualmente un disagio e uno scontento radicali che non trovano sbocchi risolutivi attraverso l'impiego dei rimedi correnti. O, addirittura, i rimedi correnti sostenuti da alcuni non fanno che peggiorare lo stato di sconforto in cui molti altri si trovano. Gli scontenti e gli insofferenti vorrebbero quindi percorrere nuove strade a loro più congegnali o essere liberi di sperimentare nuovi e più attraenti percorsi. In altre parole essi sono alla ricerca di un nuovo Paradigma.
Vediamo allora che cos'è un Paradigma e che cosa esso ha a che fare con la Rivoluzione.
Nel 1962 lo storico e filosofo della scienza Thomas Kuhn pubblicò un testo magistrale che dette vita ad un intenso dibattito nell'ambito della comunità scientifica: The Structure of Scientific Revolutions (La struttura delle rivoluzioni scientifiche).
Ecco dunque che riappare il termine Rivoluzione applicato qui a cambiamenti radicali nel modo di vedere il mondo e di porsi nei confronti della realtà. La tesi del Kuhn è che la conoscenza scientifica avanza attraverso la costruzione di Paradigmi che sono schemi coerenti che ci permettono di interpretare in maniera funzionale la realtà esterna e di operarvi in maniera efficace. Col passare del tempo, la comunità scientifica si trova confrontata con problemi che il paradigma dominante non riesce ad interpretare dal punto di vista cognitivo, diventando quindi inadatto anche a fornire indicazioni utili dal punto di vista operativo. La prima reazione della comunità scientifica è quella di cercare di introdurre piccoli cambiamenti al paradigma in modo da aggiornarlo per cercare di recuperarne il valore cognitivo e operativo. Se i problemi nuovi si moltiplicano e gli aggiustamenti introdotti non sono più in grado di spiegare la realtà e di fornire strumenti adatti all'azione il paradigma va incontro ad una crisi terminale. Esso viene mano a mano abbandonato dagli scienziati più giovani e innovativi e difeso solo da coloro che hanno interessi materiali o anche solo psicologico-affettivi alla conservazione del vecchio paradigma. Alla fine, se non ci sono blocchi esterni all'avanzamento della ricerca scientifica, un nuovo paradigma dominante è destinato ad emergere e ad affermarsi. In tal modo la scienza avanza.
Attualmente noi ci troviamo in una situazione simile per quanto riguarda l'insieme delle scienze sociali e in particolare l'economia e la politica. Infatti le categorie e gli strumenti utilizzati dagli economisti e dagli scienziati della politica per interpretare la realtà e le soluzioni che essi propongono sono del tutto privi di qualsiasi valore conoscitivo e operativo. In sostanza la loro scienza non è altro che pura e semplice stregoneria buona solo per creduloni e imbroglioni.
A questo punto si pone però un problema che complica le cose. Quando all'inizio del XX secolo gli studiosi di fisica si sono trovati ad affrontare nuovi problemi che non trovavano risposta nell'ambito del vecchio paradigma (Newton) essi hanno trovato soluzioni (Einstein e la teoria della relatività) che sono state proposte alla comunità stessa, dibattute apertamente, verificate sperimentalmente e poi accettate (apertamente o implicitamente) da tutti, anche dal pubblico ignaro che un nuovo paradigma stava emergendo nel campo della fisica.
Per quanto riguarda i cambiamenti del paradigma sociale, gli scienziati attaccati al vecchio paradigma possono invece contare per la sua difesa su una massa di persone che è stata plasmata a utilizzare le categorie e i concetti del vecchio paradigma e che, per paura o per semplice inerzia mentale, non ha alcuna intenzione di sperimentare il nuovo. Molte persone, per quanto male stiano o per quanta voglia abbiano di porre fine alla loro situazione di disagio, ragionano e operano con le categorie del passato e quindi, nei fatti, precludono a sé stessi e ostacolano agli altri la possibilità di un cambiamento.
Quali sono allora queste categorie del passato che rendono estremamente difficile se non impossibile il cambiamento? Esse sono principalmente le seguenti:
  1. Vedere la realtà, tutta la realtà, come composta da dualità intese come polarità che si oppongono e si scontrano (ad es. destra-sinistra, pubblico-privato, capitalismo-socialismo, italiani-stranieri, cooperazione-competizione, piano-mercato, ecc.)
  2. Vedere le costruzioni mentali degli ultimi due secoli come se fossero realtà eterne (ad es. lo stato nazionale, la democrazia parlamentare, i partiti politici, i giornali, la moneta a corso legale, ecc.).
Purtroppo queste due categorie interpretative e operative del passato sono estremamente resistenti e pervicaci perché danno risposta ad esigenze profonde dell'individuo quali:
  • la semplificazione cognitiva. Se la mia visuale è composta da due categorie contrapposte (bianco-nero, buoni-cattivi, ecc.) la mia vita risulta semplificata dal punto di vista cognitivo. Purtroppo una visuale così ristretta è più adatta a dei bambini ancora incapaci di cogliere la straordinaria ricchezza di ciò che li circonda che non a delle persone adulte e mature. Un bambino ad esempio scopre che esiste il colore giallo che è diverso dal colore verde; un pittore sa che ci sono parecchie varietà di giallo (in un catalogo di colori ad olio Winsor & Newton se ne contano almeno 14) e parecchie varietà di blu e che taluni colori, come il verde, sono il risultato di un miscuglio di altri colori detti primari (giallo + blu = verde).
  • la semplificazione operativa. Se la mia capacità operativa è basata essenzialmente sulle scelte compiute dalle generazioni del passato questo mi semplifica la vita perché non ho da angosciarmi sulle decisioni che prendo. In sostanza non faccio altro che imitare i miei nonni o i miei genitori e accettare di condurre una esistenza nell'ambito di limiti che essi hanno tracciato e che io accetto o subisco, consapevolmente o inconsapevolmente.
Il risultato di queste due semplificazioni messe in atto e replicate in continuazione è che la realtà attuale, cioè lo statismo, fatto di contrapposizioni fittizie e di forme organizzative superate, viene sostenuto nei fatti anche se condannato, talvolta in maniera molto accesa, a parole.
Quindi, penso che coloro che rimangono attaccati alle vecchie categorie (di cui fanno uso continuo nel loro linguaggio) e al tempo stesso si dichiarano progressisti, rivoluzionari, anarchici, libertari, non fanno altro che illudere sé stessi e gli altri. Essi sono parte integrante del vecchio paradigma, urlando come ossessi il loro scontento dello stato ma dando come bravi ometti il loro sostegno alle idee e alle pratiche dello stato (talvolta turandosi il naso giusto per far capire che loro lo fanno per salvaguardare interessi superiori, che non si capisce proprio quali siano).
Il fatto che un sistema di potere degenerato e famelico come lo statismo italiano, che sta prendendo in giro milioni di persone e sta rendendo la loro esistenza del tutto miserevole, possa continuare ad esistere così a lungo, dovrebbe farci riflettere. Prima o poi dovremmo davvero porci la seguente domanda: e se fossimo noi, con le nostre idee imprecise e talvolta addirittura superate, il nostro linguaggio un po' rozzo, scostante e ingenuo, i nostri comportamenti inadeguati, sconclusionati e alquanto inconcludenti, la causa vera del permanere dello stato territoriale monopolista e sfruttatore?
 
Commenti (5)
Scienze Sociali??
5 Domenica 05 Giugno 2011 06:18
Franco Grassi
Vorrei metterla giu' semplice e brutale

Le scienze sociali hanno come missione NON quella di capire la natura, MA di manipolarla, cosa ne direste di un biologo che ci dice come le cellule dovrebbero funzionare... invece che spiegarci come funzionano??

Sono scienze costruite sul nulla per servire il potere
attenzione però
4 Sabato 04 Giugno 2011 10:01
Zenzero
Lei De Bellis sostiene: "Quindi, penso che coloro che rimangono attaccati alle vecchie categorie (di cui fanno uso continuo nel loro linguaggio) e al tempo stesso si dichiarano progressisti, rivoluzionari, anarchici, libertari, non fanno altro che illudere sé stessi e gli altri. Essi sono parte integrante del vecchio paradigma, urlando come ossessi il loro scontento dello stato ma dando come bravi ometti il loro sostegno alle idee e alle pratiche dello stato (talvolta turandosi il naso giusto per far capire che loro lo fanno per salvaguardare interessi superiori, che non si capisce proprio quali siano)".
Non ha tutti i torti, ma rompere queste abitudini mentali non è facile, nemmeno per cho sa che esse sono sbagliate. Cosa intendo dire? Chi opera per la libertà ha solo due modi per farla avanzare: 1-parlarne; 2-praticarla.
Nel primo caso, parlarne significa cercare di convincere chi vive secondo paradigmi sbagliati a voltarsi da un'altra parte. Ciò non è semplice, sia per quanto è stato inculcato loro, sia perchè per abituarli a termini nuovi (parole nuove) è necessario ricordare loro quelle vecchie e usarle anche per farsi capire.
Nel secondo caso - ed abbiamo l'esempio di Fidenato - si finisce nel tritacarne statale (sia esso giudiziario che ideologico). E quando si finisce in quel tritacarne, le difficoltà aumentano e necessario sarebbe il sostegno di quelle persone fisiche che si professano anti-stataliste. Alla prova dei fatti, Fidenato è sempre quasi solo e con il Movimento Libertario (realtà assai piccola seppur determinata) prova a mettere in pratica ciò che un amante della libertà pensa, ha già elaborato.
meditate gente, meditate
3 Venerdì 03 Giugno 2011 13:06
Paolo Cintolesi
Può darsi che sia molto ingenuo, però credo che con i discorsi, non
si è mai visto un cambiamento, occorrono delle iniziative sul campo
20/30/100 persone con degli obiettivi concreti, non fantasiosi o utopici, forse allora potremo dire, abbiamo provato, non ci siamo riusciti. Ma continuare a parlare, parlare e poi ancora parlare, mi
chiedo e chiedo, a cosa serve, se non a sfogare le nostre rabbie represse?
E' proprio così: incapaci di farci capire ...
2 Giovedì 02 Giugno 2011 16:14
Carmelo Miragliotta (genteproduttiva)
E' desolante il dover pensare che non molti si è in grado di recepire e valutare ciò che Gian Piero ha voluto analizzare e trasmetterci e il doversi chiedere se e quando e chi si riuscirà ad adottare un linguaggio ed un modo consono a trasmettere il disagio di dover sottostare alla dittatura di un SISTEMA subdolmente invasivo e falso/protettivo.
Spettatori del combattimento tra galli
1 Giovedì 02 Giugno 2011 13:02
Vincenzo Grossi
Ottima la focalizzazione del dualismo platonico e della miopia storica di cui soffre la maggior parte delle persone. Aggiungiamo che la formazione scolastico-religiosa-mediatica rafforza continuamente questo "infantile" modo di vedere le cose che porta a rimasticare pappardelle insulse vomitate ogni sera sulle tv nazionali da giornalisti che vivono dell'antagonismo duellante di squallidi figuranti del sistema chiamati ministri, deputati e senatori e più o meno tutti presidenti di qualcosa.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Titolo:
Commento:
La marcia del mais
2011: SEMINATI ALTRI TRE ETTARI
SEMINA 2011: OPERAZIONE "6 semi di mais ovunque" (richiedi i tuoi 6 chicchi)

464 destinatari! ECCO LE PRIME FOTO 

PRIMA SEMINA MAIS OGM. Da giorni, in questa nuova sezione, è iniziata la pubblicazione delle fotografie che riguardano la crescita dei 6 SEMI DI MAIS OGM piantati da Movimento Libertario & Agricoltori Federati il 25 aprile scorso. Qui, il video della semina!

QUI IL VIDEO DELLA SEMINA IN CAMPO APERTO!

l'ultimo scatto...

02-10-2010

 LUI CONDANNATO, LORO IMPUNITI

ABBIAMO RACCOLTO LE PANNOCCHIE, SI ACCETTANO OFFERTE PER AVERE IL SIMBOLO DI UNA BATTAGLIA CHE RIMARRA' NELLA STORIA DELLA DISUBBIDIENZA CIVILE!

COMPRA UNA PANNOCCHIA!

------------

LE QUATTRO DENUNCE CONTRO I NAZI-COMUNISTI (clicca sui link e leggile)

1-denuncia querela contro Federica Ferrario (Greenpeace)

2-denuncia querela contro ignoti

3-esposto denuncia contro Zaia ed altri

4-esposto denuncia contro Violino ed altre 146 persone

5-integrazione esposto denuncia Zaia, Scilipuoti, altri

REGALIAMO UNA VACANZA AI "NAZI-COMUNISTI"
Sbugiardati gli oscurantisti: GLI ISPETTORI CONFERMANO: "ZERO COMMISTIONE"!
2011: FIDENATO SCRIVE A BRUXELLES: ANCHE QUEST'ANNO TORNERO' A SEMINARE MAIS OGM! 
Conferenza stampa dell'8 marzo sulla semina 2011
L'UE: "FIDENATO PUO' SEMINARE" (leggi la lettera)
Sostituto d'imposta
LA BATTAGLIA:
tutti i soldi in busta paga!

Sostieni anche tu
Giorgio Fidenato. Skype

Clicca qui per scoprire come

ECCO LA SENTENZA DEL GIUDICE DI PORDENONE, PER LA QUALE ABBIAMO ATTESO UN ANNO, IN MERITO ALLA BATTAGLIA CHE STIAMO CONDUCENDO SUL SOSTITUTO D'IMPOSTA.

QUI LA NOTIZIA PER VOSTRI COMMENTI

SENTENZA-SOST.pdf 

L'aforisma

La Libertà, Sancho, è uno dei beni più preziosi che i cieli donarono all'uomo; a lei non possono uguagliarsi tutti i tesori che rinchiude la terra e neppure quelli che ricopre il mare: per la Libertà, così come per l'onore, ciascuno può è deve dare la propria vita - Don Quijote de la Mancha - (M. de Cervantes)
Il sondaggio
Quale futuro per il movimento libertario?
 
Ron Paul
Quotazione Oro

Oro
Ultimo anno

Clicca sul grafico per vedere la quotazione di OGGI e scopri perché il Movimento Libertario segue l'andamento dell'oro

Quotazione Argento
Argento
Foto libertarie
Contatore Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi40
mod_vvisit_counterIeri1105
mod_vvisit_counterQuesta Settimana6631
mod_vvisit_counterQuesto Mese23032

Online : 19
Link amici

Usem Lab

Libreriadelponte

Nereo Villa

Carlo Zucchi Blog

Paradisi Fiscali

Antarticland

La voce del gongoro

rothbard

lewrockwell

Mises

jesushuertadesoto

mercatoliberonews

libertysoldier

residenclave

forcesitaly

Atroce pensiero

molinari

bastiat

noisefromamerika

aboliamo gli ordini professionali

Walter Block

rand

spooner

al

sfid

juan

panama

interlib

AGRICOLTORI FEDERATI

futuragra

SALMONE.ORG (Pensare controcorrente)

POLYARCHY.ORG

 

La sentinella della libertà

LIBERALISMOONLINE

 

 ASTENSIONE.NET

 

 

 

FOFOA-GOLD