"IL RIGORE DELLE IDEE, LA FORZA DELLE AZIONI"












I nostri partner

CONSIGLI ai nostri LETTORI: LA RECLAME SU QUESTO SITO

NOVITA' EDITORIALE   

 

PER UN'AGRICOLTURA LIBERA
UNA
ESCLUSIVA DELLA LEONARDO FACCO EDITORE - MOVIMENTO LIBERTARIO

La potrete ordinare a Leonardo.facco@tiscali.it

--------------------------

L'Agriturismo Amarant

  

Passa un week-end in un vero paradiso libertario!

Accoglienza, confort, buona cucina e natura ad un prezzo concorrenziale!

PRENOTATE LA VOSTRA VACANZA!

-------------

TENERIFE, UNA OPPORTUNITA'

------------------------

SOSTENETE QUESTO SITO ANCHE NEL 2011!

PREPARATEVI, IL 10 SETTEMBRE LANCEREMO UN'OFFERTA FUORILEGGE!!!
La nostra TV

tv del movimento libertario

IL NOSTRO CANALE WEB-TV

Collegati per seguire i nostri eventi in diretta

IO, ANARCHICO (il documentario)

1- Il potere della neolingua

2- Briganti alla riscossa

3- Le tasse sono un furto

4-Lo spreco come servizio

5- Marx starebbe con gli evasori

--------------------------

BATTAGLIE LIBERTARIE (intervista con l'amministratore del Movimento Libertario)

--------------------------

STAMPA NEL MONDO

IL KIOSKO, giornali nel mondo (clicca)

-----------------

IL CANALE YOUTUBE!

-----------------

ADIOS AZIENDE!

-----------------

LEGGI e IMPARA

-----------------

LA FINESTRA ROTTA

-----------------

INTERLIBERTARIANS

 Qui il GRUPPO su FACEBOOK

 

INTERLIBERTARIANS 2012

Lugano 31 Marzo - 1 Aprile 2012

IL MITO DELLA DEMOCRAZIA (video)

Agenda

APPUNTAMENTI col MOVIMENTO... e non solo:

su UMBERTO BOSSI (il libro)

LUNEDI' 20 giugno, DALLE 21 ALLE 23, LEONARDO FACCO A LOMBARDIA CHANNEL, NEL PROGRAMMA DI DAVID PARENZO, (canale 666 digitale in lombardia) PER COMMENTARE LA RIUNIONE LEGHISTA di PONTIDA.

calendario delle PRESENTAZIONI

-23 Agosto 2011, ore 19,00 Circolo Velico di Soverato (Cz), lungomare Europa. Manifestazione Liber@estate 2011

IN PREPARAZIONE

-Presentazione a Soave (Vr)

-Presentazione a Brescia

-Presentazione a Busto Arsizio

-Presentazione ad Arba (Pn)

 ------------------

LA VIDEO PRESENTAZIONE A GUASTALLA

____________________

IL BLOG (clicca sulla foto)

IL "BUNGA-BUNGA"

di Umberto Bossi (leggi)

Presentazione autore

Intervista di Martinelli

Intervista Radio IES

Intervista Radio Bruno

Intervista BeppeGrillo

A Canale Italia

Intervista FizzShow

PRESENTAZIONE a Bologna

PRESENTAZIONE ad Arcole (Vr)

"UMBERTO MAGNO" (ALIBERTI EDITORE) in LIBRERIA. La prima vera inchiesta sul capo leghista e il suo partito azienda.

dal sito di ALIBERTI

Il nostro market

Market

Entra nel nostro negozio per acquistare libri e gadget

Finanziaci
SOSTIENI IL MOVIMENTO LIBERTARIO
L'editoria

Leonardo Facco Editore

ACQUISTA I LIBRI LIBERTARI

Lo spettacolo teatrale "Le tasse sono una cosa bellissima"! (acquista il DVD nello SHOP del sito) - Clicca l'immagine e guarda IL TRAILER!

e-Books Italia

In CD
copertina_cd
Il primo disco con liriche antistataliste.
14 brani composti da NEREO VILLA.
Acquistalo

Ascolta il...

RAP DELLA CARTA STRACCIA

Visita il sito di
Leonardo Facco Editore
o scrivi una email
leonardo.facco@tiscali.it

 

Skype
Chiama ora !


Clicca sull'icona verde per chiamarci GRATIS con

Se sei nuovo.....

Il "Bignami" del libertarismo con una ricca bibiliografia. Clicca qui per ordinare le tue copie (15 euro per 10 copie!) Una la tieni e 9 le regali!
Libertari nel mondo
Home
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 

di Luigi Cortinovis

Anche la sinistra ha sdoganato il voto di scambio. Ecco l’annuncio sul quale nessun benpensante s’è stracciato le vesti, anzi, clap clap, viva i bagnini che puntano al quorum del referendum: “Prima a votare e poi gratis al mare, è lo slogan lanciato da una ventina di stabilimenti della Versilia, tra Viareggio, Lido di Camaiore, Marina di Massa, ma si è aggiunta anche Pisa, e il numero sembra aumentare di ora in ora. Se l’anatema contro i referendum, fin dai tempi di Craxi, è da sempre stato l’invito ad andare al mare, in Versilia ribaltano il concetto invitando tutti quelli che hanno votato a godersi un’intera di una giornata di ombrellone gratis”.

Il “Fattoquotidiano” ha sbattuto in prima pagina web la notizia ed ha plaudito all’iniziativa.

“Non ci interessa minimamente sapere se si è votato SI o NO - racconta Laura Botarelli titolare del bagno Il Cavallone, uno dei bagni che hanno lanciato l’iniziativa - quello che ci importa è che la gente partecipi a questo strumento di volontà popolare. Se grazie al nostro invito stimoleremo anche una sola persona in più a entrare nei seggi, allora avremo raggiunto il nostro scopo”.

Che differenza c’è con chi, a Napoli ad esempio, si muove per far votare il notabile di turno e magari paga pure l’elettore? Nessuna, solo che qui il conquibus è uno sdraio con annesso ombrellone, anziché quel volgare bigliettone da 50 euro!

Trovo molto più onesto, a questo punto, il signor Giovanni Maria Vaserga, nato a Rioveggio (BO) il 16.03.1979 che sul sito “vendoilmiovoto.it” ha scritto: “Ti servono dei voti e sei disposto a pagare? Approfitta di questa opportunità: il mio voto in cambio dei tuoi soldi! Nessuna truffa, nessun inganno, l'offerta più generosa riceverà in cambio il mio voto. Un semplicissimo scambio di favori. Encomiabile!

Su giornalettismo.com del 24 marzo 2010 lessi: Una vera e propria compravendita del voto con tanto di tariffario e “pacchetti” in offerta: 1.000 voti per 20.000 euro. De Luca accusa la destra: “A Scampia ti danno 25 euro subito e 25 a saldo dopo il voto”. La Digos e la Procura antimafia hanno subito aperto un’indagine”.

Un’indagine sugli imprenditori balneari no? In fondo scambiano un servizio gratuito con un voto al referendum, no?

Vorrei concludere, citando un articolo di Alberto Mingardi pubblicato su “Libero” di molti anni fa. Il titolo del pezzo era: “Pagatemi per votare”. Ve lo ripropongo per intero. 

“Piaccia o non piaccia, l’astensionismo è una costante delle società avanzate. Sempre più persone decidono di disertare le urne e, se permettette, con ottime ragioni.

Purtroppo la nostra realtà è caratterizzata da vizi neanche ideologici, culturali, che ci spingono ad abbracciare alcune bizzarre teorie. Per esempio, siamo convinti che l’etica abbia in qualche modo a che fare con il sacrificio personale. Chi si “sacrifica” (o, più spesso, dice di farlo) è generalmente visto come un esempio per la comunità, quasi che il destino voglia saggiarci quotidianamente o che il Signore non desideri che i suoi figli vivano felici. Quest’atteggiamento “passa” nella vita di ogni giorno andando ad alimentare tutta una serie di luoghi comuni. Il più abusato è che chi fa qualcosa senza riceverne nulla in cambio, sia degno d’ammirazione e riverenza.

Come può constatare qualsiasi bambino di terza elementare, è un’idea piuttosto stupida: se ammazzare il mio vicino di casa non mi dà nessun vantaggio, e lo faccio “gratis”, sono un pazzo non un brav’uomo. Eppoi è sostanzialmente un punto di vista antiumano: quel che ci distingue dalle bestie, infatti, è che siamo “animali razionali”. Si badi, non in relazione ai “fini” (soggettivi, opinabili, irrazionali sovente), ma per quel che riguarda i mezzi: l’uomo cerca puntualmente la strada più breve per conseguire quanto si propone.

Non è soltanto una nostra dote, siamo costretti alla razionalità. Per un sacco di buoni motivi, le risorse (il tempo, soprattutto) sono “scarse”, abbiamo informazioni molto limitate su ciò che ci circonda, per stare al mondo dobbiamo continuamente scegliere. Non si scappa, ogni azione implica una scelta, e il meccanismo che ci porta a decidere è la nostra capacità di fare un ragionamento in termini di costi e benefici. Mettiamo sul piatto gli uni e gli altri, e vediamo, per farla breve, “cosa ci conviene”.

Lo stesso succede quando scegliamo di andare a votare o no. Faccio il mio caso: vivo fuori paese, il che non significa che pascoli assieme alla capre, ma poco ci manca. Vuol dire che, per recarmi al seggio, dovrei vestirmi di tutto punto, uscire di casa e prendere la macchina. Ognuna di queste azioni porta con sé una serie di “rischi” possibili, in cui posso incappare. Potrei spruzzarmi il profumo (guai uscire in disordine) negli occhi e perdere l’uso della vista - ma è poco probabile. Potrei cadere facendo le scale per arrivare al garage e fratturarmi l’osso del collo - ma è poco probabile. Potrei fare un incidente stradale e, questo è decisamente più probabile. Basta un attimo, una distrazione, penso a come si chiama il candidato al Senato del mio collegio e zac sbaglio una curva ed è andata.

Facciamo finta che sia, fortunosamente, arrivato al seggio. Lì mi tocca entrare in una scuola elementare fatiscente, e mi prende il magone. Aggiungete che devo fare la coda (m’incazzo) e poi ancora tornare a casa. Lo ammetto: non è esattamente un’avventura alla Indiana Jones. Ma resta un costo, anche notevole: perché magari non mi piace guidare, perché corro dei rischi, soprattutto perché stando in fila mi deprimo, tanto basta per rovinarmi una giornata.

Guardiamo l’altro piatto sulla bilancia, i benefici. Che cosa mi viene in tasca dall’essere andato a votare? Assolutamente nulla: non stiamo parlando dell’elezione di un sindaco in un paese di mille abitanti, qui il mio singolo voto non sposta una virgola. Il fatto che vinca Tizio o Caio significa solo che (con le tasse che pago) mi toccherà mantenerne uno dei due - prospettiva mica tanto esaltante. E di fatto, votando, va a finire che butto via mezz’ora della mia vita. L’avrei potuta usare in modi più piacevoli, più soddisfacenti, remunerativi.

Il discorso potrà sembrarvi disdicevole, immorale, ma spiega bene il motivo per cui molti s’astengono. Non ci sono incentivi per fare altrimenti. Praticamente andare a votare è una scelta masochistica, o almeno così dice l’economista Heckelman (Università del Maryland) in un articolo del 1995 uscito su “Public Choice”. Il professor Heckelman argomenta che l’astensionismo è una conseguenza, più o meno diretta, dello scrutinio segreto. Mi spiego: col voto palese, è molto facile, per i partiti, sapere chi li ha votati e come ricompensarli. Nasce così una sorta di “mercato dei voti”: tu fai la x sul mio nome, io ti do questo quello e quell’altro.

Che orrore che vergogna, diranno i benpensanti. Peccato che sia un meccanismo molto più onesto di quello cui siamo sottoposti noi. Anche oggi, c’è gente che va a votare e le viene in tasca qualcosa. Ci sono personaggi che “spostano voti” e ne ottengono un certo vantaggio, al Meridione e non solo. Costoro non faranno mai parte del popolo degli astenuti, perché i “costi” che rappresenta l’andare a votare, sono ampiamente bilanciati dal beneficio che si ottiene con la vittoria del proprio “santo in paradiso”.

Intendiamoci: se, per una crocetta tracciata su un dato nome (un atto di per sé ridicolo, e senza alcun significato ideologico), mi garantissero uno stipendio da due milioni al mese, mi fionderei al seggio anch’io. Non solo, farei di tutto per convertire i miei amici, parenti, vicini di casa. Il problema è che non è così, e se nessuno parla più di “voto di scambio”, tuttavia il voto di scambio ancora esiste e fa la differenza fra gli elettori ligi al diritto/dovere e quelli che, piuttosto che ridursi complici della classe politica, “vanno al mare”.

Be’, mi sono stufato. E come quei pazzi che in America hanno messo all’asta il loro voto, faccio lo stesso anch’io.

Cari berluscones, per barrare la casella della “Casa delle libertà”, m’accontento del rimborso spese nudo e crudo. Se Bertinotti mi vuole, io, ultraliberista, sono a sua disposizione per la modica cifra di un milione di lire. Quanto all’Ulivo... Mastella, telefonami”.

Non fa una piega, proprio come nel caso dei bagnini versiliesi!

 
Commenti (7)
a Ciro
7 Lunedì 13 Giugno 2011 11:21
_Salvatore
Ci sei o ci fai?
Se sei in buon fede... è meglio che ci rifletti un po'... magari "prima" di scrivere.
Se sei in malafede: Ma a chi la vuoi dar a bere?
L'ascensore!
6 Lunedì 13 Giugno 2011 07:28
NV
L'ascensore è il massimo! :D:D:D:D È una canzone da fareeeeeeeeeeeeeeeeeee!
a ciro...
5 Domenica 12 Giugno 2011 21:44
BARBARO
ma che te ce vò l'ascensore pe capì le cose?? è ovvio che se si raggiunge il quorum vince il si, quindi l'offerta è di parte e può essere considerato un voto di scambio!!!
GENIO
4 Domenica 12 Giugno 2011 19:17
Roberto
http://www.youtube.com/watch?v=20M0j9atIXo&feature=player_embedded
Non è un voto di scambio!!!!
3 Domenica 12 Giugno 2011 17:20
Ciro
C'è una bella differenza tra offrire l'ombrellone per votare come vi pare (si o no) che ricevere 50 euro per votare un partito in particolare.
Qui nessuno ti obbliga a votare puoi anche annulare le schede scrivendo qualunque cosa tipo l'aforisma di oggi:"La Solidarieta' e' una chiave che apre molti forzieri e permette di rubare senza sentirsi in colpa."
aggiungo
2 Domenica 12 Giugno 2011 17:18
Giangi
Anche a Bologfna i baristi offrono caffè e sconti a chi va al bar dopo le urne, ormai siamo alla "Lauro democracy"! Ha ragione Cintolesi... sfascio!
che pena!
1 Domenica 12 Giugno 2011 12:53
Paolo Cintolesi
nessun commento:siamo alla frutta e se continua così, fra qualche anno saremo allo sfascio completo. Dio ci salvi dalla demagogia della sinistra e dal nullafacentismo del centro-destra.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Titolo:
Commento:
La marcia del mais
2011: SEMINATI ALTRI TRE ETTARI
SEMINA 2011: OPERAZIONE "6 semi di mais ovunque" (richiedi i tuoi 6 chicchi)

464 destinatari! ECCO LE PRIME FOTO 

PRIMA SEMINA MAIS OGM. Da giorni, in questa nuova sezione, è iniziata la pubblicazione delle fotografie che riguardano la crescita dei 6 SEMI DI MAIS OGM piantati da Movimento Libertario & Agricoltori Federati il 25 aprile scorso. Qui, il video della semina!

QUI IL VIDEO DELLA SEMINA IN CAMPO APERTO!

l'ultimo scatto...

02-10-2010

 LUI CONDANNATO, LORO IMPUNITI

ABBIAMO RACCOLTO LE PANNOCCHIE, SI ACCETTANO OFFERTE PER AVERE IL SIMBOLO DI UNA BATTAGLIA CHE RIMARRA' NELLA STORIA DELLA DISUBBIDIENZA CIVILE!

COMPRA UNA PANNOCCHIA!

------------

LE QUATTRO DENUNCE CONTRO I NAZI-COMUNISTI (clicca sui link e leggile)

1-denuncia querela contro Federica Ferrario (Greenpeace)

2-denuncia querela contro ignoti

3-esposto denuncia contro Zaia ed altri

4-esposto denuncia contro Violino ed altre 146 persone

5-integrazione esposto denuncia Zaia, Scilipuoti, altri

REGALIAMO UNA VACANZA AI "NAZI-COMUNISTI"
Sbugiardati gli oscurantisti: GLI ISPETTORI CONFERMANO: "ZERO COMMISTIONE"!
2011: FIDENATO SCRIVE A BRUXELLES: ANCHE QUEST'ANNO TORNERO' A SEMINARE MAIS OGM! 
Conferenza stampa dell'8 marzo sulla semina 2011
L'UE: "FIDENATO PUO' SEMINARE" (leggi la lettera)
Sostituto d'imposta
LA BATTAGLIA:
tutti i soldi in busta paga!

Sostieni anche tu
Giorgio Fidenato. Skype

Clicca qui per scoprire come

ECCO LA SENTENZA DEL GIUDICE DI PORDENONE, PER LA QUALE ABBIAMO ATTESO UN ANNO, IN MERITO ALLA BATTAGLIA CHE STIAMO CONDUCENDO SUL SOSTITUTO D'IMPOSTA.

QUI LA NOTIZIA PER VOSTRI COMMENTI

SENTENZA-SOST.pdf 

L'aforisma

"Senza che ci sia un ministero, o un ordine di pianificazione, o un decreto, esiste una forza del mercato spontanea e inesorabile, alimentata e stimolata dall'imprenditorialità, in funzione della quale ciascun fattore di produzione tende a essere retribuito per il contributo effettivamente fornito nel processo produttivo". Jesus Huerta de Soto
Il sondaggio
Quale futuro per il movimento libertario?
 
Ron Paul
Quotazione Oro

Oro
Ultimo anno

Clicca sul grafico per vedere la quotazione di OGGI e scopri perché il Movimento Libertario segue l'andamento dell'oro

Quotazione Argento
Argento
Foto libertarie
Contatore Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi369
mod_vvisit_counterIeri1123
mod_vvisit_counterQuesta Settimana7003
mod_vvisit_counterQuesto Mese26347

Online : 15
Link amici

Usem Lab

Libreriadelponte

Nereo Villa

Carlo Zucchi Blog

Paradisi Fiscali

Antarticland

La voce del gongoro

rothbard

lewrockwell

Mises

jesushuertadesoto

mercatoliberonews

libertysoldier

residenclave

forcesitaly

Atroce pensiero

molinari

bastiat

noisefromamerika

aboliamo gli ordini professionali

Walter Block

rand

spooner

al

sfid

juan

panama

interlib

AGRICOLTORI FEDERATI

futuragra

SALMONE.ORG (Pensare controcorrente)

POLYARCHY.ORG

 

La sentinella della libertà

LIBERALISMOONLINE

 

 ASTENSIONE.NET

 

 

 

FOFOA-GOLD